NATO A REGGIO CALABRIA UN BIMBO DI 9,8 KG.E' RECORD!!!

Come riporta l'Ansa-press è nato a Reggio Calabria un bambino da record.

Giorgino Q. è un bimbo da Guinness dei Primati, alla nascita infatti pesa 9,8 chili, praticamente più del doppio del peso medio di un neonato e, in aggiunta è venuto alla luce con parto naturale.
La sua giovane mamma: Rosa I., di 29 anni e 156 kg di peso, ha lottato strenuamente per 11 ore per mettere alla luce il figlio. Nonostante il parto si sia rivelato drammatico per le complicazioni insorte la donna ha ammesso di non aver sofferto molto: “A dir la verità non me lo ricordo molto bene, andava e veniva, ricordo solo tanta pressione, ma dovevo farcela ha commentato Rosa.
Mi ricordo tantissime persone tiravano e spingevano cercando di fare uscire il mio bimbo. Erano circa settanta nella stanza, fra parenti, amici e qualche medico” ha ricordato la donna originaria di Cardeto(RC).
Naturalmente, la cosa che ha schockato tutti è stata la dimensione del “piccolo” Giorgino.
Ovviamente la mamma e i dottori che l'hanno seguita sapevano già che il bimbo sarebbe stato oversize, ma si aspettavano un bebè di circa 6 kg di peso: invece Giorgino ha spiazzato tutti presentandosi con quasi 4 kg in più del previsto.
E il papà, un esodato 56enne, è dovuto correre ad acquistare abiti più grandi per vestire il suo figlioletto appena nato: nessuno di quelli che avevano preso in precedenza infatti era grande abbastanza.
A parte il problema abitini, Giorgino e la mamma stanno benissimo: dopo qualche giorno in osservazione sono stati rimandati a casa e dalle notizie che trapelano sembra che sia già ghiotto di omogeneizzati alla soppressata.
Dall'ospedale Villa Mater, dove il piccolo grande Giorgino è nato, fanno sapere che è il primo bimbo XL che vede la luce nei loro reparti.
Certamente non è il più grande mai nato: in Canada nel 1879 nacque un bimbo di 11 kg, che però morì 11 ore dopo. Nel 2005, in Brasile, è nato un bimbo di oltre 7 kg.
In tutti i casi, le mamme avevano sofferto di diabete gestionale. 
FONTE ANSA-PRESS