22 lug 2016

LA 'NDRANGHETA SUI POKESTOP. I DETTAGLI

Stiamo parlando di un caposaldo del Pokemon Go ossia dei luoghi dove è possibile andare a fare il pieno di oggetti utilissimi per il prosieguo della propria esperienza all’interno di questo mondo in realtà aumentata.
Cosa sono i Pokestop? Nel mondo reale sono dei punti di interesse di Google Maps come monumenti, installazioni artistiche, edifici importanti e così via. Naturalmente, si possono trovare in maggior numero nelle grandi città, mentre se vivete in un posto isolato potrebbe non essere così facile. Nel mondo del gioco sono dei luoghi magici dove potrete ricevere una preziosa serie di oggetti indispensabili, come soprattutto Pokeball (e poi Great Ball e Ultra Ball a seconda del vostro livello) per catturare i mostriciattoli; pozioni e revitalizzanti per andare a curare gli animaletti feriti dopo i combattimenti; incensi, aromi o moduli esca che potete usare per attirare i Pokemon e uova da far dischiudere camminando.
La 'ndrangheta prima di tutti ha intuito l'affare ed ha piazzato in ogni Pokestop un suo picciotto che chiede il pizzo a chiunque si avvicina a fare scorte di oggetti virtuali.
Ci sono state le prime segnalazioni, ma l'incriminazione è difficile. Comunque nelle zone dove la 'ndrangheta è fortemente radicalizzata, come Lombardia e Piemonte già ci sono stati i primi arresti per estorsione.
Quindi attenzione, se vi avvicinate ai Pokestop e qualcuno vi chiede 30 euro per potervi avvicinare, quel qualcuno sarà un picciotto della 'ndrangheta.