6 lug 2016

TERRA DEI FUOCHI:CATTURATO ROSPO ASSASSINO

Era stato avvistato a fine maggio nei dintorni di Acerra da alcuni immigrati clandestini del Gabon, che dicevano che un rospo gigante avesse mangiato un neonato che fuggiva con sua madre diretti in Francia. Fatte le dovute indagini e allarmati i vigili del fuoco non erano riusciti ne ad avvistarlo ne a catturarlo. Quello che sembrava un pitone e che aveva fatto perdere le tracce, era invece un rospo gigante imperiale (Bofo Alvarius) del peso di 67 Kg e alto oltre un metro e mezzo. L’enorme rospo è stato catturato oggi pomeriggio vicino a dei canali usati per l'irrigazione agricola.  Ad avvistarlo tra alcune sterpaglie nella frazione di Pezzalonga, sono stati alcuni criptozoologi, che da mesi danno la caccia alle strane creature mutanti che si aggirano nella Terra dei Fuochi. La mutazione, sostiene il dottor Golconti(nella foto), sarebbe avvenuta dopo che l'anfibio si è nutrito di cibo inquinato "Dal momento che i rospi hanno subito queste mutazioni, è facile immaginare che altre specie possano aver subito altri effetti. Qualcosa è andato storto nell’intero ecosistema". In realtà, secondo lo stesso Golconti, ogni organismo risponde all'inquinamento alimentare in modo diverso, per questo è ancora presto per trarre conclusioni su quali siano le conseguenze per gli esseri umani.