23 ago 2016

RENZI ED ALFANO NUOVO INCIUCIO AI DANNI DEGLI ITALIANI

«Renzi ha fatto benissimo a dire che non si dimette. E se non lo farà io starò ben saldo sulla mia poltrona.». È quanto ha detto il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, lunedì al Meeting di Comunione e Liberazione a Rimini riferendosi alle affermazioni del presidente del Consiglio Matteo Renzi sul referendum. «Io — ha spiegato Alfano — avevo sempre contestato la sua precedente presa di posizione perché il governo si giudica alle elezioni politiche, in base alle riforme che ha fatto e non solo alla pur importantissima riforma della Costituzione. Dimettersi solo su quello significa confondere solo una parte col tutto». «Ma allora — ha rilevato il leader di Ap — il giudizio sul Jobs act, sulla crescita economica, sulla sicurezza che abbiamo garantito sulle riforme della scuole, della pubblica amministrazione, sulla riduzione dell’Irap, sugli 80 euro, sul Canone in bolletta e sulle risorse sulla sicurezza date alle forze dell’ordine quando il popolo italiano potrebbe darlo se ci fossero le dimissioni del governo solo sulla riforma costituzionale?».